REI Reddito di Inclusione - Contro la povertà dal 1° dicembre 2017

La SdS zona fiorentina nord ovest si occuperà del progetto di reiserimento. I punti di accesso dove fare domanda

Il Reddito di Inclusione REI è una misura di contrasto alla povertà per la quale potrà essere presentata domanda dalle famiglie e dai singoli che si trovano in condizione di grave disagio economico e sociale presso il proprio comune di residenza. Nella zona distretto fiorentina nord ovest, i Punti di Accesso sono presso i Comuni di Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Vaglia, (vedi sotto per le sedi dei punti di accesso) corrispondenti all’area di appartenenza della Società della Salute e presso il comune di Fiesole. Alla SdS i Comuni hanno deciso di affidare  la regia di questo percorso di welfare territoriale pubblico, come già era avvenuto per l’intervento del SIA (Sostegno per l'Inclusione Attiva) che il REI sostituisce dal 1° gennaio 2018. 
In quanto misura di contrasto alla povertà, il REI è condizionato alla valutazione della condizione economica e si compone di due parti:
• Un beneficio economico che sarà erogato direttamente dall’Inps attraverso una carta prepagata, CARTA REI. L’ammissione al beneficio viene decisa in base a un punteggio dopo istruttoria della SdS zona fiorentina nord ovest e di Inps
• Un progetto di reinserimento sociale e lavorativo che mira ad aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e a riconquistare l'autonomia, predisposto dai Servizi Sociali della Società della Salute della zona fiorentina nord ovest e in rete con i Centri per l’Impiego, i servizi sanitari, le scuole e il Terzo Settore. Il progetto dovrà essere obbligatoriamente seguito pena la perdita della possibilità di ricevere il beneficio economico.

I requisiti generali per richiedere il REI
Per quanto riguarda i nuclei familiari destinatari dell’intervento deve essere presente almeno una delle seguenti condizioni:
 • un componente minorenne
 • una persona disabile e di almeno un suo genitore o un suo tutore
 • una donna in stato di gravidanza accertata (nel caso in cui sia l'unico requisito familiare posseduto, la domanda può essere presentata non prima di quattro mesi dalla data presunta del parto e deve essere corredata da documentazione medica rilasciata da una struttura pubblica)
  • un componente che abbia compiuto 55 anni con specifici requisiti di disoccupazione
Questi requisiti legati alla composizione del nucleo familiare decadono dal 1° luglio 2018 quando la platea dei beneficiari viene estesa ulteriormente e del nucleo familiare vengono considerate esclusivamente le condizioni economiche, segnando una svolta nella direzione dell’universalismo.

E’ necessario inoltre che il richiedente sia in possesso dei seguenti requisiti:
 • essere cittadini italiani o comunitari
 • familiare di cittadino italiano o comunitario titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente
 • cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE di lungo periodo
 • titolari di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria) che siano residenti in Italia da almeno due anni al momento della presentazione della domanda

Per i requisiti economici è necessario avere:
 • ISEE in corso di validità pari o non superiore a 6.000 euro
 • ISRE pari o non superiore a 3.000 euro

Altri requisiti legati al valore del patrimonio mobiliare e immobiliare e alla non titolarità di specifici trattamenti previdenziali e indennitari. In particolare:
 • Un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000,00 euro
 • Un valore del patrimonio mobiliare non superiore a una soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo fino ad un massimo di euro 10.000.
 • nessun componente del nucleo deve risultare titolare di: prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASPI) o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria;

Inoltre, il nucleo non deve risultare in possesso al momento della presentazione della domanda di:
 • autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei dodici mesi antecedenti la richiesta:
 • navi o imbarcazioni da diporto.
Sui requisiti economici per maggiori informazioni sul REI consulta il decreto legislativo 15 settembre 2017, n. 147, emanato in attuazione della legge-delega 15 marzo 2017, sulla Gazzetta Ufficiale del 13 Ottobre 2017). 

 
 

I punti di accesso

Il modulo può essere scaricato dai rispettivi siti web degli otto Comuni di residenza e dovrà essere consegnato già compilato presso i seguenti Punti di Accesso:

Comune di Calenzano: Sportello del Cittadino – Palazzo Comunale – Piazza Vittorio Veneto, 12
Orario di apertura: Martedì: 15.00 – 18.00; Venerdì: 10.00 – 13.00

Comune di Campi Bisenzio: Uffici comunali di Villa Montalvo – Via di Limite n. 15
Orario di apertura: Lunedì e Mercoledì 8.30-13.00; Giovedì 15.30 – 18.00

Comune di Lastra a Signa: Servizi Sociali del Comune – Via Togliatti n.41
Orario di apertura: Venerdì 9.00 – 12.00

Comune di Fiesole: Ufficio servizi educativi / sociali / sport – Piazza Mino n. 26
Orario di apertura: Martedì 8.30-12.30;
       Giovedì 8.30 – 12.30 e 14.30 – 17.30

Comune di Signa: Ufficio Protocollo del Comune - Piazza della Repubblica, 1
Orario di apertura: da Lunedì a Venerdì 8.30-12.30;
        Martedì 15.00-18.30

Comune di Scandicci: Palazzo comunale Piazza della Resistenza n. 1
Orario di apertura: da Lunedì a Venerdì 8.30 – 18.30;
        Sabato 08.00 – 12.30

Comune di Sesto Fiorentino: URP -  Largo Cinque Maggio
Orario di apertura: Lunedì-Mercoledì-Venerdì 8.30-12.00;
       Martedì e Giovedì 08.30-12.00 e 15.00-17.30

Comune di Vaglia: Ufficio Servizi Sociali – 1° Piano – Palazzo Comunale Piazza Corsini n. 3
Orario di apertura: Martedì 8.30-13.30 e 15.00-18.00;
      Giovedì 8.30-13.30 e 15.00-17.00

 

Data Ultima Modifica:
24 Febbraio 2018